Archivio
News dal Retrievers Club

Chiarimenti ENCI:PROVA DI LAVORO PER L’ACCESSO ALLA CLASSE LAVORO

  • 3 November 2010
  • Author: Segreteria RCI
  • Number of views: 855
  • 0 Comments
Di seguito proponiamo la comunicazione inviata dall'Enci a seguito richiesta chiarimenti circa la delibera del 2 novembre 2010 riportata in calce:

"Siamo con la presente a precisare che la deliberazione ENCI  ha stabilito di ritenere valide, per l'accesso in classe lavoro in esposizione, le qualifiche ottenute anche in prove organizzate da Paesi riconosciuti FCI.

Tale deliberazione riguarda esclusivamente l'iscrizione in esposizioni in classe lavoro.

Richiamando inoltre quanto deliberato dal Consiglio Direttivo dell'ENCI in data 14 settembre 2010, che ha stabilito che nell'ambito dei raduni di razza anche la classe lavoro partecipi allo spareggio per l'assegnazione del CAC con le altre classi (libera ed intermedia), come da Vostra richiesta, il Consiglio Direttivo ha anche ribadito che tutte le razze tutelate dal Retriever's Club Italiano non sono razze sottoposte a prova di lavoro per il conseguimento di tale titolo.

Quanto stabilito dall'art. 29 del Regolamento generale della manifestazioni "...le prove utili per il campionato italiano di bellezza devono essere conseguite in Italia..." non riguarda le razze tutelate dal Retriever's Club Italiano poichè nessuna di esse è sottoposta a prova di lavoro per il conseguimento del titolo di campione italiano di bellezza. 

A disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Cordiali saluti.

Angelo Pedrazzini "



Con comunicazione del 2 novembre 2010 l'ENCI ha deliberato quanto segue:


Il Comitato Esecutivo, nel corso della riunione del 19 ottobre 2010, ha riscontrato le puntualizzazioni ricevute dalla Federazione Cinologica Internazionale (FCI) relativamente alle prove che permettono di accedere alla classe lavoro nell’ambito delle esposizioni.

Il Comitato Esecutivo, recependo le disposizioni FCI, a parziale modifica del Regolamento speciale delle esposizioni canine, ha deliberato di comunicare che saranno ritenute valide, per l’accesso alla classe lavoro in esposizione, le qualifiche minime previste ottenute anche in prove organizzate da Paesi riconosciuti dalla FCI.

Altresì, il Comitato Esecutivo, per quanto attiene al conseguimento del titolo di campione italiano di bellezza, ha ritenuto opportuno ribadire che rimangono in vigore le attuali disposizioni che prevedono il conseguimento della qualifica minima in prova in Italia, o all’estero con qualifica italiana.

http://www.enci.it/news/news.php?id=868
Print
Categories: Direttivo
Tags:
Rate this article:
No rating