novembre 18, 2017
| Login
RCI Centrale Sezione Flat e Altri Sezione Golden Sezione Labrador

Affidati alla LAV 14 cani sequestrati a Bolzano per maltrattamento - 11 Retrievers cercano famiglie affidatarie

Comunicato stampa LAV 15 febbraio 2008

ANIMALI: AFFIDATI ALLA LAV I 14 CANI DELLA PENSIONE-ALLEVAMENTO SEQUESTRATA A BOLZANO PER MALTRATTAMENTO, ABBANDONO E UCCISIONE DI ANIMALI .

LA LAV HA DENUNCIATO IL TITOLARE DELL’ALLEVAMENTO OTTENENDO IL SEQUESTRO DEGLI ANIMALI. MINACCE DI MORTE ALLA RESPONSABILE LOCALE DELL’ASSOCIAZIONE.

Ieri sera, 14 febbraio, la LAV ha ottenuto l’affidamento dei cani della pensione e allevamento di cani di San Genesio Atesino (Bolzano), nota con il nome “Dei grandi boschi”, sequestrati dai Carabinieri su disposizione del Gip del Tribunale di Bolzano, Silvia Monaco.

I 14 cani (due meticci, un rottweiler e poi Labrador e Golden retriever), “razze” nelle quali era “specializzato” l’allevamento, trovati in condizioni pietose, denutriti e abbandonati a sé stessi, sono stati sottoposti ad un attento esame veterinario da parte del Servizio veterinario provinciale di Bolzano, che ne ha attestato il gravissimo stato di denutrizione; i cani sono stati trasferiti presso una struttura di fiducia della LAV, la cui sede, per motivi di sicurezza, sarà mantenuta riservata.

“La LAV, che fin dal sequestro della struttura, avvenuto in gennaio, si era dichiarata disponibile a curare le adozioni dei cani, ne ha ottenuto la custodia giudiziaria in quanto riconosciuta ufficialmente dal Ministero della Salute come associazione abile all'affidamento di animali oggetto di provvedimento di sequestro o di confisca – dichiara Ilaria Innocenti, del settore Cani e gatti della LAV – Ora gli animali potranno essere affidati a famiglie che diano garanzie di buon trattamento, responsabilità e serietà.”

La decisione della Procura della Repubblica di Bolzano di procedere al sequestro dei cani, è avvenuta dopo un costante monitoraggio della LAV presente nel procedimento penale, che ha sollecitato ulteriori indagini sulle condizioni dei cani della struttura posta sotto sequestro e in seguito al ritrovamento, avvenuto lo scorso dicembre, di tre cani, un labrador e due rottweiler, il cui stato di denutrizione era tale che nonostante le cure prestate, i veterinari non sono riusciti a salvarne uno, un rottweiler, deceduto il primo gennaio 2008.

La LAV seguirà il procedimento penale contro C.G., titolare della struttura, indagato per maltrattamento di animali con l’aggravante dell’uccisione (ai sensi degli artt. 544 ter - maltrattamento di animali, e 544 bis - uccisione di animali, del Codice penale), oltre che per altri reati, affinché gli animali non gli siano più restituiti.

“La LAV ha lavorato strenuamente, supportando Procura e Forze di Polizia, affinché le indagini si concludessero nel minor tempo possibile e con un risolutivo sequestro preventivo degli animali che permetterà, contestualmente all’affido degli stessi all’associazione, di garantire la sostanziale tutela dei cani – prosegue Maurizio Santoloci, direttore dell’Ufficio Legale LAV –  Lavoreremo con i nostri avvocati affinché gli animali non siano restituiti all’allevatore, e chiederemo anche l’interdizione futura di C.G. dalle attività di allevatore, affinché tali reati non siano perpetuati. Ringraziamo vivamente la Procura di Bolzano e le Forze di Polizia intervenute, per la sensibilità dimostrata.”

La LAV ricorda che l’uccisione di animali è un reato punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi (art. 544 bis del Codice penale), mentre il maltrattamento di animali (art. 544 ter del Codice penale) è punito con la reclusione da tre mesi a un anno o con multa da 3.000 a 15.000 euro e la pena è aumentata della metà se dai fatti deriva la morte dell’animale.

C.G. è stato inoltre denunciato dall’Associazione per aver minacciato di morte la responsabile della LAV di Bolzano, Ester Valzolgher.

Allegate foto di due dei cani sequestrati (foto LAV) , disponibile video.

 

15 febbraio 2008

Ufficio Stampa LAV (Sede nazionale) tel. 06.4461325 – 329.0398535 - 3391742586 www.lav.it

LAV Bolzano tel. 349/0744252 lavbolzano@libero.it